Ho cambiato i piani per…

Ho cambiato i piani per…

Ho cambiato i piani per te…questo è il titolo dell’ultimo singolo di Arisa, cantante che ha sempre caratterizzato il mondo della canzone italiana negli ultimi anni, con melodie e testi che arrivano dritti al cuore.

Questa volta parla di un’altro tipo di “amore” quello fraterno, un sentimento puro e onesto. sicuramente molti di voi avranno visto altro in questo titolo “ho cambiato i piani per te”….e sarò sincero che all’inizio anche io mi sono arrovellato la testa sul cambiamento per amore di qualcuno.

Ho molto riflettuto sul cambiare la propria natura, esistenza, progettualità per qualcun’altro/a…e dopo molte riflessioni sono giusto all’idea che in parte è normale che ciò accada. quando nella tua vita bussa alla porta del cuore un altra anima, spesso questa apporta modifiche alla tua quotidianità a volte anche impercettibili ma sempre novità.

il cambiamento stesso avviene nel momento in cui decidi lasciare lo spazio, non solo in senso fisico del termine (un posto al tavolo, un lato del letto, un parcheggio sotto casa), bensì lasciare spazio nel tuo vivere anche a qualcuno di altro. far entrare l’altro/a nella propria intimità.

Ho cambiato i miei piani per te, spesso è saper accogliere il diverso da noi per raggiungere nuove strade, riconoscere nuove opzioni di vita ma soprattutto ci dà la possibilità di DARCI una possibilità; mediante il cambiamento (argomento che tratto spesso) possiamo conoscere nuovi lati della nostra persona e spesso anche sulle altre a noi vicine.

Però è bene precisare che cambiare per qualcuno, non è mai una cosa giusta, poiché la nostra natura vive dell’essere unica ed imprescindibile da quella degli altri, e pensare di deviare al solo scopo di trovare una maggior comprensione da parte dell’altro è un gravissimo errore che l’essere umano può fare nei propri confronti. cambiare i piani, credo abbia l’idea-base di essere misericordiosi nei confronti di chi ami, accogliere richieste che portano ad azioni …spesso…lontane da noi, ma che possono portare beneficio a chi amiamo oppure ad entrambe.

I piani per antonomasia vengono fatti per essere montati e smontati, cancellati e ripresi….ed anche CAMBIATI. ovviamente non come si cambia un paio di calzini, quanto un cambiamento pensato, sentito e soprattutto voluto da noi stessi per l’altro..da non confondere con..sentito dall’altro per l’altro.  spesso vedo persone barricarsi in rapporti che vivono di quotidianità propria, e spesso questo accade perchè una delle due parti ha scelto di rinunciare a qualcosa di proprio…non voglio riferirmi a posti di lavoro o città, bensì a modi di agire, pensare e considerare la vita.

ognuno di noi possiede degli occhiali unici, perchè ci permettono di vedere la vita in un unico modo…il nostro..pur esso strambo, offuscato, ignorante o scaltro che sia..ma è come vediamo la vita; se questo viene messo in dubbio per amore, forse non sempre è bene “cambiare per..”forse  sarebbe meglio “valutare per..” ahahah….. però così capisco che si perde il romanticismo della canzone e si diventa fiscalisti con calcolatrici alla mano al posto di cuori pulsanti nella testa.

forse vi ho confuso le idee sul mio concetto, o forse vi ho dato uno spunto di riflessione per quest’oggi..

e quindi, tu: cambieresti i piani per qualcuno?

Annunci
About me..now

About me..now

Era da tempo che non scrivevo qui. Nell’ottica di riprendere mano a quella piccola casa virtuale, rieccomi.

Non sapevo bene cosa scriverci e soprattutto come ritornare, così ho scelto di rientrare in punta di piedi…con questo mix di domande trovate in giro in rete.

1: Dormi con le porte dell’armadio aperte o chiuse? Rigorosamente chiuse.
2: Prendi gli shampoo e i saponi dagli hotel ? sempre per il gusto di averli presi aGGratis.
3: Dormi dentro o fuori dalle lenzuola? zampette fuori, e coperta sul pancino.
4: Hai mai rubato un cartello stradale? …..sei serio?..un cartello stradale??
5: Ti piace usare post-it? scriverei romanzi di post-it
6: Hai mai tagliato i coupon per poi non usarli? si, ma quando sono al supermercato e mi accorgo della fregatura…non li uso mai.
7: Preferiresti essere attaccato da un orso o uno sciame di api? da entrambe, così mentre l’orso  mi massacra, si distrae con le api.
8: Hai le lentiggini? si
9: Sorridi sempre nelle foto? poco e nulla.
10: Qual è il tuo più grande cruccio? estremamente indeciso in alcuni casi.
11: Ti è mai capitato di contare i passi mentre cammini? no, ma le piastrelle sul quale cammino si.
12: Hai mai fatto la pipì nel bosco? non mi risulta.
13: Hai mai fatto la cacca nel bosco? non mi risulta.
14: Ti sei messo a ballare anche se non c’era musica? spesso e volentieri, ritmo nel sangue.
15: Mastichi le penne e matite? capita dai
16: Con quante persone hai dormito questa settimana? solo
17: Quanto è grande il tuo letto? una piazza emmezzo, comunque è una domanda molto intima….
18: Qual è la canzone della settimana? Alessandra Amoroso – Non sarà un’arrivederci.
19: Va bene se i ragazzi indossano il rosa? è un colore come il blu, il giallo.
20: Guardi ancora i cartoni animati? non amo molto, preferisco i cartoni/film di Hayao Miyazaki.
21: Quale è il tuo film preferito? …ora ti risponderei Ricordati di me
22: Dove nasconderesti il un tesoro se ne avessi uno? Sottoterra, alla vecchia maniera.
23: Cosa bevi a cena? Acqua Frizzanti.
24: In cosa immergi i chicken nuggets? al naturale, o se proprio proprio Salsa BBQ.
25: Qual è il tuo cibo preferito? P A T A T I N E F R I T T E – CONTROFILETTO
26: Che film guarderesti più e più volte? Saturno Contro, L’Appartamento poi Diavolo Veste Prada.
27: L’ultima persona che hai baciato / ti ha baciato? si
28: sei mai stato un boy/ Girl Scout? ci conosciamo…?
29: Poseresti mai nudo per una rivista? No, no…
30: Quando è stata l’ultima volta che hai scritto una lettera a qualcuno? Lettera scritta a mano? Due mesi fa per un amica.
31: sai cambiare l’olio in una macchina? hihihi..il cambio di chè?
32: mai ricevuto una multa per eccesso di velocità? no, per altro…purtroppo
33: Mai rimasto senza benzina? senza no, ho il panico non appena arriva alla spia riserva.
34: Panino preferito? American Club Sandwich
35: La cosa migliore da mangiare a colazione? Affettati, pane, caffè americano, uova, ….un banchetto
36: A che ora vai a dormire? mezzanotte e già di li.
37: Sei pigro? non proprio, tendo però ad evitare lavoretti in casa
38: Quando eri un bambino, da cosa ti vestivi ad Halloween?
39: Qual è il tuo segno zodiacale cinese? credo la capra o il cavallo, non ricordo
40: Quante lingue sai parlare? Italiano, inglese ed un poco de espagnolo.
41: hai abbonamenti a riviste? no, troppi legami.
42: Meglio i Lego o i Lincoln Logs? Lincoln Logos per il semplice fatto che non li conosco.
43: Sei testardo? Abbastanza testardo e caparbio……. e caprone ahahaha.
44: Chi è meglio … Leno o Letterman? IO ahahahah no dai….IO.
45: hai mai guardato soap opera? MUOIO DAL RIDERE.
46: Hai paura dell’altezza? aBBastanza.
47: canti in macchina? SENZA OMBRA di dubbio…ho i fiori di Sanremo sul cofano.
48: canti sotto la doccia? no
49: balli in macchina? coreografia che manco a Broadway
50: mai usato una pistola? no, solo d’acqua.
51: L’ultima volta che un fotografo ti ha fatto un ritratto? ma magari lo trovassi.
52: Pensi che i musical siano ridicoli? sono troppo felici gli attori, mi mettono ansia da prestazione…ahaha
53: il Natale è stressante? non conosco questa festività
54: mai mangiato un pierogi (ravioli polacchi)? no
55: torta di frutta preferita? Strudellllllllcon spolverata di cannelle
56: lavoro che volevi fare da piccolo? Stilista, fumettista, disegnatore.
57: Credi ai fantasmi? perchè no
58: Hai mai avuto la sensazione di Deja-vu? spesso succede.
59: Prendi vitamine giornalmente? spirulina o altre cose naturali
60: indossi le pantofole? blu con le ancore
61: Indossi un accappatoio? solo in palestra
62: Cosa indossi per andare a letto? maglietta.
63: Primo concerto? Florence and the Machine
64: Carrefour, Auchan e Bennet? Coop!
65: Nike o Adidas? senza dubbio Nike.
66: Patatine o fonzies? Patatine tutta la vita
67: noccioline o di semi di girasole? Noccioline
68: Mai sentito parlare del gruppo Tres Bien? Yes
69: hai mai preso lezioni di ballo? si, un corso
70: che lavoro vuoi che faccia la tua o il tuo futuro coniuge? basta che sia soddisfatt
71: Sai arricciare la lingua? no
72: ha mai vinto una gara di spelling? all’interno di un telefilm
73: hai mai pianto perché eri felice? è capitato si, sono attimi così veloci
74: possiedi dei dischi? yes
75: Possiedi un giradischi? no
76: Bruci incenso regolarmente? la mia droga!
77: mai stato innamorato? già.
78: Chi vorresti vedere in concerto? Jlo, Adele,
79: Qual è stato l’ultimo concerto che hai visto? Amoroso
80: Tè caldo o tè freddo? caldo, quello freddo è troppo chimico
81: Tè o caffè? ho il corpo per il 80% fatto di caffè
82: Zucchero o snickerdoodles (biscotti alla cannella)? la seconda.
83: Sai nuotare bene? bha, si..cioè
84: Sai trattenere il respiro senza tappare il naso? Si, assolutamente.
85: Sei paziente? quando voglio sono un vero ApppLOmmmBB British
86: DJ o band, a un matrimonio? Band musica klezmer
87: mai vinto un concorso? si, che trash.
88: Avete mai fatto un intervento di chirurgia plastica? No.
89: Quali sono le olive migliori nere o verdi? verdi, senti quel acidino.
90: sai fare a maglia o uncinetto? no
91: stanza migliore per un camino? camera da letto
92: Vuoi sposarti? assolutamente si, mi piacerebbe
93: Se sposato, da quanto tempo siete sposati?……
94: qual è stata la tua cotta alle superiori? no comment
95: Piangi e fai capricci fino a quando non ottieni quel che vuoi? hihihihiihihihi
96: Hai figli? No.
97: Vuoi bambini? bho
98: quale è il tuo colore preferito? blu
99: Ti manca qualcuno in questo momento? Si.
100: chi? “sono solo fatti miei”

con garbo

con garbo

Eccoli tornati i “Garbage”, con un pizzico di trasgressione in più e tanto tantoooo pink style! per il suo ritorno Shirley Manson ha optato per un rosa shock…..ho subito collegato questa scelta alla stessa fatta nel ritorno di Cyndi Lauper, anche lei per il partito amiamo la tinta pink!….

chissa cosa dirà peppa pig?….una loro iconstyle?

nel frattempo ascoltiamoci e godiamo di questo sound “fresh”/rock.

 

Before I go to Sleep

Before I go to Sleep

Ero seduto al bancone del bar. bevevo la mia solita birra scura, pensado che quella era una delle tante per quella sera. appoggiato a quel tavolo così appiccicoso e vecchio da ricordarsi ogni ubriacone passato di lì. Sarei dovuto andare a casa a dormire, ma non volevo lasciar andare via quella giornata, doveva arrivare quel momento in cui tutti i tuoi muscoli sono esausti per colpa di quelle emozioni che ti rapiscono e violentano l’anima. quella sensazione sta arrivando adesso. sta arrivando?

Be a dreamer

Don’t be a thief

There were times when it was broken

There were times when it was saved

There were times when we were holy

When we were different

When we behaved

Quelli di Gennaio

Quelli di Gennaio

Immagini di Gennaio:

  • Joy – Dicembre 2015 (Stati Uniti); Regista: David O. Russell(2h 4m).  “quando si ha un obiettivo ben preciso nessuno può fermarmi nel raggiungerlo…anche se può sembrare assurdo agli occhi degli altri, il sogno è comunque il tuo!”
  • Room – Settembre 2015 ; Regista: Lenny Abrahamson; (1h 58m). “le care piccole cose, che spesso scordiamo di avere ci vengono ripresentate sotto una luce pura ed innocente”
  • Solace – Aprile 2015; Regista: Afonso Poyart;  1h 41m. “è da prendere con le pinze chi gioca con il futuro”
  • Little Sister – Gennaio 2016 (Tokyo); Regista: Hirokazu Kore-Eda; (2h 8min). “la sensazione di appartenere ad una grande famiglia”
  • Father and Son – Settembre 2013 (Tokyo); Regista: Hirokazu Kore-eda; (2h 10m). “l’amore fra un padre ed un figlio deve essere costruito giorno dopo giorno e spesso non è facile aprirsi come si vorrebbe”
  • The Little Prince – Gennaio 2016 (Francia); Regista: Mark Osborne; (1h 50m). “ricorda a tutti di vedere la vita con occhi più ingenui”
  • Il giardino delle parole – Animazione – Maggio 2013 (Giappone); Regia: Makoto Shinkai; (46m). “la dolcezza di veder nascere un amore che nasce nei giorni di pioggia e che muore col sole”
  • The Lobster – Ottobre 2015 (Regno Unito); Regista: Yorgos Lanthimos; (1h 58m). “nonostante possa sembrare fuori dal mondo per l’idea fantascientifica, sono i sentimenti primordiali a fuoriuscire dalla gabbia”.

 

Suoni di Gennaio (relax, think, recharge)

  • Spirit Bird – Xavier Rudd;
    per rilassarsi.
  • Abbi cura di te – Levante;
    per pensare.
  • Love, sex and flashback – Fleur East;
    per caricarsi.
#ALETTOCOLLORD IL CARDELLINO

#ALETTOCOLLORD IL CARDELLINO

Quest’oggi ha inizio una nuova pagina di questo blog: “alettocolLord”, una rubrica in cui si cercherà di recensire libri, film e quant’altro al fine di portare un pò di curiosità su opere che meritano di essere vissute.

Il romanzo

Il Cardellino (The Goldfinch) è il terzo romanzo, scritto nel 2013, da Donna Tartt. In esso si riportano le disavventure che il personaggio principale, Theo Decker, un ragazzino di tredici anni, è costretto ad attraversare, in seguito alla morte della madre; un evento che lo influenzerà per tutta la sua esistenza. Con questo libro Tartt ha vinto il Premio Pulitzer per la narrativa del 2014.

Inizialmente il romanzo potrebbe indurre ad abbandonarlo per la mole di pagine che lo compongono ma ci penserei due volte prima di rinunciare ad un romanzo scritto con estrema bravura; all’interno convivono magistralmente emozioni e rigore.

I personaggi

Theo è un personaggio che lo si ama e si odia nello stesso momento, cresce assieme al lettore fino ad arrivare alla fine, in cui si comprende quanto il suo animo si sia evoluto senza però dimenticare le sue radici ciniche ed alquanto realistiche.

Credo che l’autrice abbia voluto ricreare un nuovo Holden, anch’esso alla ricerca di emozioni forti che si allontana da una vita a volte difficile e troppo dura da accettare.

Per descrivere Theo è utile riportare l’esempio in cui dice di essersi rivisto al cinema nella figura di Glenn Gould e cioè: ipocondriaco, recluso, isolato, paranoico, pasticcione, notturno, strambo e disavvezzo al contatto con gli altri esseri umani.

Questo rivedersi sullo schermo cinematografico ed analizzarsi è simile a come è strutturato il romanzo: un racconto di sé, visto da fuori.

Dopo la morte della madre vedremo Theo muoversi sia a livello geografico, poiché sono varie le ambientazioni che lo accoglieranno, sia a livello temporale con continui flashback and flashforward della sua esistenza.

Grazie ad un io narrante maschio (scritto da una donna) si riesce ad entrare nella mente di un adolescente che sta diventando uomo e ciò porta, in parte, il lettore ad essere spettatore di un evoluzione che spesso va in direzioni che non vorremmo.

Il titolo del romanzo prende origine dal nome di un quadro “il cardellino”, lo stesso che sarà il nodo centrale di tutto il racconto. Il pensiero di Theo per “il cardellino” è vivido ed emozionante.

Nascondere il quadro porterà il protagonista a comprendere quanto questo segreto sia indispensabile per lui per andare avanti; esso lo faceva sentire forte e speciale.

Nonostante questo, saranno molti gli episodi in cui si vedrà il protagonista dipendere (in modo oculato) dalle droghe, le stesse che gli permettono (in parte) di evadere da un modo di pensare e vedere la realtà troppo complessa.

Il romanzo riesce a farsi amare anche per la scelta di presentare ed “usare” pochi personaggi; uso il termine “usare” poiché è proprio grazie ad essi che il nostro protagonista si interfaccia con la cruda realtà del suo comportamento e modo di vivere.

Fra i personaggi ho ricollegato la figura della Tartt a quella di Hobie (il restauratore che accoglie Theodor per un lungo periodo). Il suo personaggio emerge per la cura e meticolosità con il quale restaura i mobili antichi, quasi come la scrittrice tratta le sue opere, alle quali dedica una decade per completarli; oltre a ciò il romanzo non porta al giudizio delle azioni di Theo così come lo stesso Hobie (che si rivelerà molto importante per il protagonista) rimane quasi impassibile di fronte ai misfatti compiuti da Theo.

Ritorna spesso la figura del figlio unico: non solo come elemento famigliare ma come ricerca da parte di Theo di un fratello, compagno ed amico fidato; per questo la figura di Boris risulterà per lui quasi vitale.

Grazie a Boris Theo ha la possibilità di conoscere un altro sé che verrà poi a delinearsi sempre più andando avanti nel racconto.

Ciò che emerge in maniera forte è il rapporto particolare che Theo ha nei confronti dell’altro sesso.

Stai lontano da quelle che ami troppo. Sono loro che ti uccideranno! Quello che ti serve per vivere ed essere felice è una donna che abbia la sua vita e ti permetta di vivere in pace la tua –Pag.689”

Un esempio è il rapporto con Pippa: esso viene ricollegato all’amore per la madre morta, al dolore per la sua perdita e all’impossibilità di rivederla, poiché la stessa Pippa vive altrove.

Vi sono alcuni episodi importanti all’interno del racconto che conducono ad un vero passaggio fra un momento e l’altro nell’evoluzione del protagonista:

  • Il crollo della palazzina in cui abitava prima di lasciare Newyork, sta a significare un senso di rifacimento e distacco sempre più totale da un passato troppo pesante e dannoso. In questa immagine si vede l’identità di Theodor che si allontana in qualche modo dal pensiero della madre, la quale verrà sempre meno ricordata durante il romanzo, cosa che inizialmente era continua.
  • Interessante è anche il passaggio da L.A. a Newyork poiché avviene una trasformazione del personaggio che si antepone allo scansafatiche che era ad L.A. appunto; incomincia a prendersi cura di stesso ed è grato ad Hobie, credo sia dovuto ad una presa di coscienza di aver esaminato la sua svitata vita, fatta di alcool e droga. È come se lui stesso avesse perso la purezza e tornando nella sua città la riprendesse…in verità vedremo poi che fuoriuscirà questo suo animo tormentato che alimenta con droghe e fattacci loschi.
  • Amsterdam e la solitudine forzata lo porta a farneticare e volersi suicidare.

Nel complesso il romanzo è un’opera d’arte che pone il lettore in una condizione di ascolto più che di attesa del susseguirsi delle vicende.

https://instagram.com/p/xtM-nyt6s4/?taken-by=r2_lordbrummell