Caro BabboNatale

Caro BabboNatale

Con ancora il sale fra i capelli e qualche lentiggine sul mio volto abbronzato scrivo la mia lettera di natale. Perché in fondo i desideri non arrivano sempre a Dicembre, qualcuno li prepara da molto tempo prima.
Se fossi un bambino prenderei un pezzettino di carta e con il battito forte scriverei accuratamente ogni lettera per far capire a Babbo quello che vorrei; mentre mi destreggio fra le virgole e le apostrofi (mannaggia vostra) mi lascio andare ai miei desideri.
Anche se orami un ometto cresciuto e privo di quel pezzo di carta colorata scritto con i pennarelli pregiati, voglio chiedere a Babbo di leggere questa mia letterina nella speranza chissà che qualcosa possa accadere.


Rivorrei vivere nuovi giorni spensierati con amici limpidi e sinceri, quasi fossero acqua che dalla sorgente arriva dritta al mio animo per raccoglierli; con le loro insicurezze, i loro bisogni e con le loro storie dalle logiche strambe. Vorrei lontano da me quelle sfumature di grigio che tanto mi indispongono e mi fanno dubitare; ho le tasche piene di promesse da marinaio e vorrei tanto svuotarmi da questi pesi effimeri. E proprio perché la fedeltà e la fiducia sono più pregiate di un diamante, ti chiederei più persone dai colori unici e vivi piuttosto che miraggi di sfumature. Sono sempre stato dell’idea che l’amico non ti tradisce poiché, a differenza dell’amore, l’amicizia è un rapporto che si costruisce piano piano, con estrema attenzione quasi fosse un castello di sabbia sulla battigia.


…e se da un lato vorrei costruire una fortezza granello dopo granello, dall’altro vorrei tanto sentire quel tocco al cuore, come di una piuma che delicata sfiora la pelle tanto spessa quanto fragile e nuda. Sentire un tocco avvolgente, sicuro, presente, pronto a proteggermi dal freddo e desideroso di espormi alle prime luci dell’alba. Se fossi una foglia vorrei sentirmi protetto dalla rugiada, ma poiché sono fatto di carne basterebbe un tuo abbraccio caldo. Solamente coltivandolo e riparandolo si potrà ottenere il giusto amore, che come un fiore si schiude sprigionando i profumi del piacere ed altrettanto fragilmente appassisce. Nutrimi di attenzioni, ed esponimi al sole quando le notti sono state troppo lunghe ed io ti ripagherò del mio profondo amore. Ed è così Babbo che vorrei vivere quella sensazione che ognuno di noi intimamente vorrebbe provare.
…..per ora sono questi i desideri Babbo.

grazie

Annunci
Citazione

Il Post-it dei pregi

Alcune volte l’uomo non comprende appieno la favolosità delle persone che vi sono al suo fianco. Bisognerebbe creare un promemoria di pregi degli amici e dei famigliari, scordandosi di ciò che è negativo quando compare.

Sometimes the man did not fully understand the fabulousness of the people that are at his side. We should create a reminder of the merits of friends and family, forgetting what is negative when it appears.

Sii come…

Sii come…

to be free

Sii come il tumulto delle spighe quando il grano viene arato; sii come la furbizia dei pesci: lesta e precisa; sii come i cerchi indecifrabili degli alberi quando vogliono occultare l’età; sii come il pensiero dei vecchi: acuto, onesto, breve; sii come l’acqua della sorgente: infinita, fresca, dissetante; sii come il canto degli uccelli: sacro, vago ed attraente; sii come il profumo delle lenzuola messe ad asciugare: terso, puro, curato; sii come la presenza dell’ombra: notturna tacita, paziente e fedele; sii come il lamento dei gatti: seducente, tenero ed originale; sii come il sosprio del tempo: immenso, mutevole, audace; sii come solo tu sai essere: irripetibile ed incisivo.

L’uomo e la natura

L’uomo e la natura

È tempo di svolta, proseguire per un altro percorso dai luoghi ancora sconosciuti. L’inizio è sempre un momento difficile, poiché stabilisce la rottura netta fra ciò che era e ciò che sarà, delimitando definitivamente il passato con quello che diverrai. Una delle paure più grandi nel uomo è quella di perdere le proprie radici, oltre a quella ormai tanto conosciuta di rimanere da soli.
L’uomo identifica nella famiglia le radici principali, poiché essa è base fondante di molte delle concezioni e limitazioni che lo accompagnano lungo tutto il percorso di crescita e sviluppo; in verità vi sono anche altre radici che si rifanno alla figura degli amici e degli amori.
Nei riguardi degli amici si nutrono fortissime sensazioni di ammirazione, devozione ma soprattutto fiducia e molto spesso quando tale radice si spezza per cause esterne, oppure perché ormai la linfa non scorre più fra le vene, ci si sente spezzati quasi a perdere foglie non per la stagione ma per la voglia umana di staccare foglie buoni e forti. Inizialmente il dolore risulta smisurato e piano a piano la radice, come il nostro cuore, si rimargina perché siamo fatti di energia e per tale ragione siamo in continuo moto interiore. Risultano però troppo semplicistiche questi parallelismi fra uomo e natura per capire come l’individuo possa superare questa paura di perdere le proprie radici, a fronte di questo credo che sia necessario riorganizzare il nostro sviluppo, riconsiderare il terreno sul quale ci stiamo sviluppando e facendo nascere le nostre radici; solamente comprendendo che è cambiando la direzione dei nostri rami che riusciremo a superare un distacco forzato oppure voluto.
Il discorso parrebbe cambiare quando si tratta di amori, in parte, le motivazioni possono risultare similari a quelle che portano alla fine di un rapporto amicale ma ciò che cambia è il dolore che si prova, in questo caso non si tratta di una foglia o di una radice, in verità è un vero e proprio sradicamento di un pezzo del tronco d’albero che con se porta via anche parte della corteccia. Rimaniamo quindi inermi e senza movimento alcuno, non riusciamo neppure a lenire il dolore del taglio-netto che ci lascia in balia degli agenti esterni che, come tempeste, picchiano sulla nostra pelle ormai esile ed orfana di una protezione.
Allora come fare in questo caso? È necessario aspettare molto tempo prima che una pianta di vent’anni possa riottenere gli stessi rami floridi e robusti. Lo stesso tempo che servirà alle stagioni per ritemprare nuovamente la nostra fragile pelle, al fine di rinvigorirla e segnarla nuovamente con i suoi ammacchi, muffe, strappi, rigonfiamenti…insomma ricostruirsi.
La mia domanda è ora come possiamo noi capire che sarà per la maggior parte il tempo a guarire questo male che ci brucia dentro? Come siamo in grado di calmarci mentre vediamo solamente il crollo delle nostre certezze? Quale potere dobbiamo chiedere allo stregone saggio e burbero, per far sì che questo incubo svanisca?
Vorrei poter avere la formula magica che possa cucire in fretta quella ferita che continua a perdere linfa vitale, la stessa che si è accumulata e mantenuta con i sorrisi, gli abbracci, i baci e la felicità della condivisione. Appare un pensiero da illuso, credere che con un semplice incantesimo si possano sistemate tutte le cose per ritornare ad essere un po’ più felici e sereni e soprattutto per continuare ad ingrandirci per le querce secolari che ci apprestiamo a diventare.
Dopotutto non posso far altro che guardare il flusso scorrere con la consapevolezza che solo alla fine, quando orami sarò saggio e stanco dalle troppe tempeste e dalle giornate di sole afoso, che conterò quanti cerchi della vita ho guadagnato e sono presenti nel mio tronco.

For your trip

For your trip

Per tutti quelli che si trovano in viaggio per le vacanze, vi propongo questa melodia estiva. Un mix di tonalità rilassanti ma nel contempo vive e cariche di “brio“, l’estate è l’amante che tutti noi desideriamo segretamente durante tutto l’inverno ed appena la rivediamo siamo così euforici ed entusiasmi che non riusciamo a trattenerci, vogliamo abbracciarla, baciarla e sopratutto viverla. buone vacanze a tutti i miei follower ed ai futuri. | For those who are traveling for the holidays, I propose this summer’s melody. A mix of relaxing tones but at the same time alive and full of verve”, summer is the lover that we all want to secretly throughout the winter and we‘ll see you as soon as the euphoria and enthusiasm that we can not hold us back, we want to embrace her , kiss her, and especially live her. happy holidays to all my followers and future.

 

  Band’s site | Facebook Lemaitre Music |r2 Facebook Page