Archivi tag: futuro

Le persone cambiano

“Quando diciamo cose tipo “Le persone non cambiano”, facciamo impazzire gli scienziati. Perché il cambiamento è letteralmente l’unica costante di tutta la scienza. L’energia, la materia, cambiano continuamente, si trasformano, si fondono, crescono, muoiono. È il fatto che le persone cerchino di non cambiare che è innaturale, il modo in cui ci aggrappiamo alle cose come erano invece di lasciarle essere ciò che sono, il modo in cui ci aggrappiamo ai vecchi ricordi invece di farcene dei nuovi, il modo in cui insistiamo nel credere, malgrado tutte le indicazioni scientifiche, che nella vita tutto sia per sempre. Il cambiamento è costante. Come viviamo il cambiamento, questo dipende da noi. Possiamo sentirlo come una morte o possiamo sentirlo come una seconda occasione di vita. Se apriamo le dita, se allentiamo la presa e lasciamo che ci trasporti, possiamo sentirlo come adrenalina pura, come se in ogni momento potessimo avere un’altra occasione di vita, come se in ogni momento potessimo nascere ancora una volta”

Un giorno di tutto questo riderai…

un bel giorno tutto avrà un senso, quindi per il momento non farti deprimere dalla confusione, sorridi attraverso le lacrime e cerca di comprendere che tutto ciò che succede ha una ragione.”

Nonostante tutto i giorni passano

Nonostante stanotte
Nonostante la filosofia
rimane qualcosa di intenso
nonostante sei andato via

nonostante la gente
si accontenta di quello che ha
Io non mi accontento di niente
Io mi accontento se tu resti qua

Adesso vai
E l’hai deciso tu

Nonostante i momenti
Che sembravano non finissero Mai
Siamo due deficienti
Quei due che non sbagliano mai
Adesso vai se l’hai deciso tu

E io che parlo parlo ma non è vero
Ma non è vero mai
Intanto i giorni passano passano
Non è vero mai
Milioni di parole sciolte al sole casomai
Che i sogni non finissero

Nonostante riprendi le tue cose, le porti con te
Nonostante che piangi, Io non so se tu piangi per me
Se per tutte le cose ci fosse un punto di stabilità
Sarebbe un mondo perfetto
Sarebbe che tu resti qua

E invece vai e l’hai deciso tu
Ed io che io parlo parlo ma non è vero mai
Intanto i giorni passano
Non è vero mai
Milioni di parole sciolte al sole casomai
Che i sogni non finissero

Non è vero nonostante i miei dubbi
nonostante all’inizio
Sia quel che sia
Nonostante tutto
Nonostante che un giorno mi ha detto Amore andiamo via da qua
Io ci credevo sul serio
i fidavo di te
Mi sembrava davvero volessi stare con me
Ma avevi altri programmi
Nonostante la notte avevi altri emozioni

Non è vero mai
Intanto i giorni passano
Non è vero mai
Milioni di parole sciolte al sole casomai
Che i sogni non finissero

Se per tutte le cose ci fosse un punto di stabilità
Sarebbe un mondo perfetto
Sarebbe che tu resti qua

E se non riesco ad andare avanti come faccio?

Questa volta non riesco!…no no non riesco.

moltissime quelle volte in cui, con il cuore alla gola, siamo giunti a pronunciare queste brevi parole.

a malincuore ci siamo ritrovati, a sentire il nostro cuore che batteva  come una locomotiva, ma non pompava sangue bensì paure; pezzi di paure che passavano a fatica dalla arterie, le nostre.

Ed in quel momento, ti affiorano in mente le cose peggiori della tua vita, della tua esistenza….credi che la cosa migliore sia lasciare tutto e farla finita definitivamente.

Oppure ti attacchi al telefono cercando qualcuno della rubrica, che ti possa consolare o col quale fare una chiaccerata/motivazione;

Ma mentre in un attimo ti ritrovi all’ultimo numero della rubrica ti accorgi che nessuno rispecchiava appieno quel tipo di consolazione che riechiedevi in quel momento.

Allora ti butti sulla rete, cercando film o video in youtube che ti possano alleviare da quel battito assordante e quell’ansia che ti pervade….ma niente neanche delle immagini colorate seguite da suoni, riescono a farti scostare dalle tue angosce.

e allora che fare?

qualcuno potrebbe dirti: “pensa alle cose passate che ti hanno reso felice, in passato”, ma subito rispondi che sono momenti passati…è che il modo migliore per vivere non si basa sul guardare ogni santissima volta indietro, bensì ora e in avanti.

Allora si propone qualche scenziato pazzo e ti offre una pillola magica che potrà alleviare ogni tuo dolore e nello stesso istante bussano alla tua porta 5 erboristi con delle gocce portentose che servono, anche loro, ad alleviarti dalle tue preoccupazioni…..e di fronte alla scienza e alla natura, credi che la scelta su quest’ultima  sia la via migliore.

In realtà neppure delle gocce potranno risolvere i problemi che ti crei o le paure che si sedimentano nella tua mente…  l’unico antidoto alle tue paure sei tu!.

lo stesso TU, che quando guardi allo specchio, lo vedi come uno sfigato.

oppure nelle belle serate, dove il trucco e il parrucco hanno fatto il loro gioco..ti vedi più figo e potente…ma si tratta della luce del bagno, che grazie alla sula forte illuminazione riflette ciò che sei in verità, con qualche sbrilluccihio in piu.

ora la questione è, se quindi non resisto e non posso andare avanti…cosa devo fare per non fermarmi per sempre in un punto di nulla?.